Comunicazioni di Invito alla Compliance

L’’Agenzia delle Entrate ha recentemente inviato le comunicazioni di invito alla compliance relative alle dichiarazioni dei redditi presentate nel 2014 (redditi 2013) dalle persone fisiche.

In particolare le lettere vengono inviate ai contribuenti che risulta abbiano percepito ma non dichiarato, o lo hanno fatto solo in parte, determinate tipologie di redditi, (es. redditi di fabbricati derivanti da contratti di locazione, redditi di lavoro dipendente o di pensione, assegni periodici corrisposti dal coniuge, redditi di partecipazione, ecc.)

Il contribuente, ricevuta la comunicazione, per evitare che le irregolarità riscontrate diventino motivo di accertamento può fornire eventuali chiarimenti riguardanti l’anomalia riscontrata ovvero regolarizzare la propria posizione.

Quindi nel caso in cui si ritenga che i dati riportati in dichiarazione siano corretti sarà possibile eliminare l’anomalia segnalando all’Agenzia delle Entrate fatti, elementi e circostanze non conosciuti oltre che presentare idonea documentazione.

Nel caso in cui il contribuente riconosca gli errori, rilevati dall’Agenzia, sarà possibile correggerli mediante il ravvedimento operoso presentanto una dichiarazione integrativa (Unico PF 2014) e versando le maggiori imposte dovute, interessi e sanzioni in misura ridotta.