Sconto IRAP 2014

Con il decreto legge del 18 aprile 2014 il Governo ha rilanciato una serie di misure volte a stimolare l’economia: tra queste l’abbattimento dell’aliquota Irap a decorrere dall’esercizio 2014. 

La finalità dell’agevolazione è quella di favorire la riduzione del costo del lavoro, in considerazione della nota indeducibilità ai fini Irap delle spese sostenute per il personale dipendente.

È bene tuttavia rimarcare come l’abbattimento generalizzato dell’aliquota Irap non premia soltanto le imprese che sostengono spese per il personale, in quanto la minor aliquota è applicabile a tutte le imprese, indipendentemente dalla presenza di lavoratori dipendenti.

Le nuove aliquote  dal 2014 saranno pertanto le seguenti:

– imprese e professionisti: 3,50% (in luogo dell’attuale 3,90%);
– imprese agricole: 1,70 % (in luogo dell’attuale 1,90%);
– banche e le imprese finanziarie: 4,20%, (in luogo del 4,65%);
– assicurazioni: 5,30 % (in luogo del 5,90%);
– imprese concessionarie diverse da quelle di costruzione e gestione di autostrade e trafori: 3,80% (in luogo del 4,20%).

Al fine di ridurre la contrazione del gettito erariale per il 2014, il Governo ha tuttavia previsto l’introduzione di un abbattimento graduale dell’aliquota, il quale ha effetti sulla misura degli acconti da versarsi con il metodo previsionale.

Infatti, in sede di versamento degli acconti è possibile optare per il metodo storico o per il metodo previsionale.

Nel primo caso sarà sufficiente versare un acconto pari al 100% (per le società di persone e le imprese individuali) o al 101,50% (per le società di capitali) dell’imposta versata l’anno prima.

Nel secondo caso, invece, si dovrà tener conto delle nuove aliquote previste dal decreto legge appena emanato.

Le aliquote previste per il versamento degli acconti con il metodo previsionale sono infatti le seguenti:
– imprese e professionisti: 3,70% ;
– imprese agricole: 1,80%;
– banche e le imprese finanziarie: 4,40%;
– assicurazioni: 5,60%;
– imprese concessionarie diverse da quelle di costruzione e gestione di autostrade e trafori: 4%

Le questioni ancora aperte

Deve rilevarsi come ancora non sia stata data una risposta a tutti quei soggetti (professionisti in primo luogo) che non dispongono ancora di un quadro legislativo certo in tema di autonoma organizzazione.

Tali soggetti dovranno quindi, nell’incertezza, continuare a versare l’Irap (sebbene in misura ridotta), in attesa di futuri chiarimenti.

Fonte : Tratto da Fiscal-focus.info

Leggi articolo completo su www.fiscal-focus.info