Spese Detraibili per Familiari a Carico

Secondo le norme del TUIR (ex art. 12), ai contribuenti spettano le detrazioni dall’imposta lorda per i seguenti familiari:

  • il coniuge, non legalmente ed effettivamente separato, compresi gli uniti civilmente;
  • figli (anche se naturali, riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati);
  • gli altri familiari, così come definiti dall’art. 433 del Codice Civile ovvero il coniuge o l’unito civilmente legalmente ed effettivamente separato, i discendenti dei figli, i genitori (anche adottivi, ed ascendenti prossimi anche naturali), i generi e le nuore, il suocero e la suocera, i fratelli e le sorelle.

Per essere considerati fiscalmente a carico, il coniuge e i figli non devono aver percepito, per l’anno 2017, un reddito superiore a euro 2.840,51 a prescindere dalla convivenza con il dichiarante e dalla residenza in Italia.
Per quanto concerne i figli si prescinde anche dall’età, dalla dedizione allo studio o al tirocinio gratuito e dallo stato fisico (es. inabilità permanente al lavoro).

Ripartizione delle Spese

Non sussiste alcuna correlazione tra le detrazioni per figli a carico e le detrazioni per oneri sostenuti per familiari a carico.

Vuol dire che i genitori possono beneficare della detrazione per figli a carico in misura pari al 50% e allo stesso tempo possono imputarsi le spese per oneri detraibili intestati a quei figli in ragione dell’effettività della spesa sostenuta (per esempio il 100% della spesa per un solo genitore).

È anche possibile per uno dei due genitori detrarre o dedurre l’ammontare della spesa sostenuta anche se la percentuale relativa alla detrazione per quel figlio a carico è pari a zero. In quest’ultimo caso è necessario che venga indicato nel quadro “Coniuge e familiari a carico” il codice fiscale del figlio omettendo solo l’indicazione della percentuale di detrazione spettante.

Il documento comprovante la spesa sostenuta può essere intestato al figlio e la relativa spesa potrà essere portata in deduzione/detrazione:

  • dai genitori in misura pari al 50%;
  • dai genitori in ragione dell’effettività della spesa sostenuta previa annotazione sul documento.

Se, invece, il documento è intestato al genitore, la detrazione compete esclusivamente al genitore intestatario del documento.


Tratto da Fisco7 – Approfondisci su Fisco7