Versamento Acconti, Novità Decreto Fiscale

Versamento Acconti, Novità

Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2020 (D.L. 124/2019)

 

Art. 58 – Quota versamenti in acconto

“1. A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto per i soggetti di cui all’articolo 12-quinquies, commi 3 e 4, del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 giugno 2019, n. 58, i versamenti di  acconto dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e dell’imposta sul reddito delle societa’, nonche’ quelli relativi all’imposta regionale sulle attivita’ produttive sono effettuati, ai sensi dell’articolo 17 del decreto del Presidente della Repubblica 7 dicembre 2001, n. 435, in due rate ciascuna nella misura del 50 per cento, fatto salvo quanto eventualmente gia’ versato per l’esercizio in corso con la prima rata di acconto con corrispondente rideterminazione della misura dell’acconto dovuto in caso di versamento unico.”

In sostanza vengono rimodulate le percentuali relative alla prima e seconda rata, che passano:

  • dal 40% + 60%
  • al 50% + 50%.

Sono interessati i soggetti che dichiarano redditi non superiori a 5.164.569 euro e che esercitano attività economiche per le quali siano stati approvati i relativi ISA (nonché ai soci e agli associati di società, associazioni professionali e imprese familiari /coniugali, interessate dagli ISA).

Dovrebbero essere interessati anche “minimi” e “forfettari”.
Tale rimodulazione non dovrebbe applicarsi alla cedolare secca.